Badoni srl
Divisione Costameccanica Divisione Benelli
Home Page La società

Storia della Badoni srl

   
 

La società

Storia

Prodotti e mercati

Unità produttive

Mercati

Costameccanica

Storia

Elenco prodotti

Referenze

Qualità

Service

Revamping

Consulenza

 

 
 

Vuoi contattarci?

Vai alla pagina dei contatti

 

Il primo insediamento industriale della Badoni esiste a partire dalla seconda metà del '700, nel territorio di Lecco: si tratta di un opificio con fucina e lavorazione dei metalli.
Nella prima metà del XIX° secolo l'azienda entra nei settori della siderurgia, della metallurgia e della meccanica con stabilimenti a Castello di Lecco e a Mandello del Lario.
Nel corso del secolo l'attività si estende alla produzione di verghe in ferro, lavorazioni di lamiere, cerchioni, assali, incudini, morse e chiodi, effettuata sia nello stabilimento di Castello, sia nel nuovo insediamento produttivo di Bellano, nell'alto lago di Como.

Tra i collaboratori dell’azienda di Bellano da segnalare un ingegnere alsaziano, esperto in metallurgia, arrivato in Italia come ufficiale al seguito di Napoleone: si tratta di Giorgio Enrico Falck, il futuro fondatore di una delle più importanti dinastie industriali italiane. Questo è solo il primo legame che collegherà le famiglie Badoni e Falck e le rispettive Società, anche negli anni a venire.
A partire dal 1878, con la nuova generazione familiare, la Società riprende slancio dedicandosi alla produzione di costruzioni in ferro quali ponti, pensiline, tettoie e, soprattutto, di una tecnologia innovativa: gli impianti per la produzione di gas per illuminazione.
Nel 1900 la Società modifica nome e ragione sociale in “Antonio Badoni & C”.
Nel 1908 nella guida dell'azienda subentra il giovane neo-laureato ing. Giuseppe Riccardo, figlio di Antonio che, nel 1912, trasforma la Società in società anonima.

Nel 1915 la Società subisce una ulteriore trasformazione con l’ingresso nel capitale di due soci milanesi, Bellani e Benazzoli, ed assume il nome di “Badoni & C. Bellani Bonazzoli”, conosciuta anche come “BBB”.
Nel 1922 torna sotto il pieno controllo della famiglia Badoni che ne acquisisce l’intera proprietà e subisce una ulteriore trasformazione di nome e ragione sociale divenendo la “Antonio Badoni S.p.A.”.
La produzione si consolida nei prodotti tradizionali della carpenteria e meccanica pesante, uscendo dai mercati locali, crescendo fino a realizzare opere prestigiose nel mondo e diventando un’azienda riconosciuta ed affermata, leader nel settore, in contesti nazionali e internazionali.
Nella proprietà, a fianco della famiglia Badoni, entrano anche le Acciaierie Falck, consolidando quel legame storico e famigliare che aveva già caratterizzato la fase iniziale di entrambe.
La morte, negli anni settanta, dell'ultranovantenne ing. Giuseppe Riccardo e la dismissione dalle partecipazioni in alcune realtà industriali delle Acciaierie Falck negli anni novanta, determinano la cessione dell'azienda con il subentro nella proprietà di una società finanziaria con interessi immobiliari.
La realtà industriale e produttiva sembra giunta al capolinea quando, nel marzo del 1993 il Tribunale di Lecco sentenzia il fallimento.
Nel 1997 il gruppo Bonfanti acquista dalla Procedura fallimentare della “Antonio Badoni S.p.A.” il marchio, il know-how, i progetti, le referenze commerciali dell’azienda con l’intenzione di riattivare e rilanciare una delle più antiche e prestigiose realtà industriali italiane.

Ciò avviene con la Badoni s.r.l. che ne eredita la prestigiosa storia industriale, acquisisce Costameccanica e rialza il vessillo di una parte importante della storia e della tradizione industriale del territorio lecchese.


Sono moltissime e prestigiose le opere e le forniture eseguite da Badoni, con i nomi e ragioni sociali che l’hanno accompagnata nel suo cammino in questi lunghi anni, nei diversi mercati ove la Società si è trovata ad operare.
A solo titolo esplicativo e non esaustivo si possono ricordare:

la carpenteria pesante per infrastruttue come ponti, edifici civili e industriali tra i quali si ricordano:

il ponte sul Bosforo ad Instanbul;

il ponte sul fiume Lao dell'autostrada del sole;

la serie di ponti sul Po per Ferrovie Italiane;

l’università di Ryad;

le tribune dell’ippodromo di S. Siro (Milano);

vari edifici civili quali la sede INPS di Milano e il palazzo multipiano in C.so V. Emanuele a Milano;

vari edifici industriali tra i quali il capannone dell'Innocenti a Milano, quelli delle acciaierie Falck di Sesto S. Giovanni (MI), quelli per impianto di produzione ceramiche per l'Unione Sovietica;

 


Ponte sul Bosforo a Instanbul

le grandi strutture metalliche dedicate al mercato dell'energia, tra le quali si ricordano:

telai strutture caldaie per le centrali termoelettriche realizzate da Tosi ed Ansaldo;

nodi e le strutture della piattaforma petrolifera Vega;

pontili di scarico per le petroliere quale quello di Kharg Island in Iran;

 

Telai caldaia Centrale di Porto Tolle

 

la caldareria con produzione di numerosi:

serbatori sopraelevati per acquedotto;

sfere a pressione;

serbatori a tetto fisso o galleggiante;

gasometri;

serbatoi di stoccaggio di prodotti petroliferi per le principali compagnie petrolifere;

vasche rotanti per impregnazione di cavi sottomarini;


Sfera a pressione di Trecate (No)

 

la meccanica pesante nel campo del sollevamento e del trasporto funiviario con la realizzazione di:

carroponti da colata con portata fino a 250 ton, con numerosi impianti per AFL Falck, Acciaierie di Piombino, Italsider Taranto, SNS di Annata e molti altri clienti, ;

gru da centrale con portata fino a 400 ton, per Marelli, Sondel e numerosi altri clienti;

gru portuali quali scaricatori, macchine per scarico continuo tra le quali si ricordano, tra le altre, i due scaricatori polivalenti di Ancona, lo scaricatore continuo di Ravenna e le gru a braccio Shuaiba (Kuwait);

impianti speciali quali grandi aspi avvolgitori, con piu’ di 30 mt. di diametro, per cavi sottomarini e vasche rotanti per impregnazione cavi;

 


Scaricatore portuale


locomotori di manovra sia per le Ferrovie Italiane, per le quali è stato il primo fornitore già a partire dal 1930, e sia per numerosi privati, in particolare i principali Gruppi Siderurgici ad uso dei propri raccordi.

 



Locomotore di manovra

Inizio pagina

Home | Informativa Privacy | Contatti | Credits
Badoni s.r.l. - CF e P. IVA 02703090130 - Email: info@badoni.it